Mostra in corso

Mostre in corso presso i Musei civici Viggiutesi.

ART BONUS-page-001

Art Bonus

Cari amici e concittadini, lo Stato italiano, con il D.L. 31 maggio 2014, n. 83 “Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo”, chiamato anche semplicemente Art Bonus, ha determinato una vera svolta, nell’ambito culturale italiano. Per molti anni il mecenatismo culturale, ossia l’erogazione da parte di soggetti privati di somme di denaro a favore di determinati progetti culturali, così come è diffuso tanto nella vicina Svizzera quanto negli Stati Uniti (dove rappresenta una delle maggiori fonti di finanziamento) in Italia non si è potuto sviluppare fondamentalmente per due ragioni: una di tipo fiscale, in quanto la legge non agevolava questo tipo di donazione, la seconda è di tipo culturale, dove manca un po’ la voglia personale di prendersi carico della gestione dei beni pubblici.

Col progetto Art Bonus si cambia rotta dando ai Comuni il compito di individuare progetti emblematici e importanti a cui dedicare le eventuali donazioni; diversi sono quelli individuati dall’Amministrazione Comunale: il restauro di alcuni modelli in gesso dei musei viggiutesi e la ristrutturazione della casa dello scultore Enrico Butti.

Sarà così possibile, da parte di qualsiasi soggetto, sia esso persona fisica o giuridica, destinare qualsivoglia somma ai progetti culturali individuati dal Comune, recuperando buona parte delle somme investite nei successivi tre anni. …

News

Notizie relative ai Musei civici Viggiutesi.

FLORIANO BODINI – LA VIA DEL ROSARIO

Manifesto Bodini R

A cura di Ignazio Campagna e Lara Treppiede

Museo Enrico Butti, dal 28 ottobre al 10 dicembre 2017

Il Polo Museale Viggiutese Enrico Butti, in collaborazione con il Museo Floriano Bodini di Gemonio, ospita nell’autunno 2017, il progetto ed i bozzetti dei bronzi del maestro utilizzati per la “Via Sacra di Viggiù”.

Nel decennale dalla scomparsa di S.E. Monsignor Gianni Danzi ho voluto ospitare al Museo Butti di Viggiù una serie di elaborati grafici e a bassorilievo di un’opera che sembra passi inosservata agli occhi di un pubblico a volte distratto. Dal 28 ottobre al 10 dicembre 2017, data importante poiché sarà la II^ domenica d’Avvento e la giornata che ricorda la Beata Vergine di Loreto dove Monsignore è stato Arcivescovo, è possibile visitare una mostra inerente in primis la realizzazione di 21 medaglie (presenti alla mostra) volute da Giovanni Paolo II° nel XXV° anno del suo pontificato (1978-2003) quando proclamò Anno del Rosario “Rosarium Virginis Mariae” il periodo che va dalla fine del 2002 a quella del 2003; in secondo luogo l’esposizione mostrerà la volontà di Monsignor Danzi di collocare 21 bassorilievi in bronzo di 26 cm. di diametro fusi e offerti da S.E. a Viggiù. Sei stazioni accompagnano infatti dal 2008 la via sacra del Rosario che sale al colle Sant’Elia; esse sono state realizzate con monoliti/steli di Pietra di Saltrio dove sono incastonati i bronzi dello scultore Floriano Bodini rappresentanti i Misteri del Rosario: della gioia, della luce, del dolore e della gloria, cinque bassorilievi per ogni stazione.  Per la prima volta i 21 bassorilievi riuniti ed esposti eccezionalmente per questo evento mostrano tutto lo spessore di uno scultore dall’innata creatività capace di vedere spesso oltre il tangibile. Sono tondi con una modellazione sottile e tendenti allo stiacciato in gergo tecnico e schiacciato nella lingua comune con appena percepibili variazioni di spessore molto care a Floriano. Catalogo nel museo. (I.C.)

Inaugurazione sabato 28 ottobre 2017, ore 17.00

Orari d’apertura:

da martedì a venerdì 14.00-18.30 sabato 9.30-12.00 e 14.00-18.30 domenica 16.00–19 .00

Invito Fieschi V

Alessandro Fieschi. Dentro le fonti del visibile

Invito Fieschi V

A cura di Claudio Cerritelli

Museo Enrico Butti, dal 9 settembre all’8 ottobre 2017

Il Polo Museale Viggiutese Enrico Butti ospita a fine estate 2017 Alessandro Fieschi, quinta presenza dell’iniziativa espositiva nata nel 2014 che vede protagonisti gli ex allievi di Brera, del pittore Gottardo Ortelli, tutti presentati dal critico d’arte Claudio Cerritelli. Il progetto espositivo è composto da nove artisti: Tetsuro Shimizu, Ayako Nakamiya, Pietro Pasquali, Elena Strada, Alessandro Fieschi, Rossella Rapetti, Marco Grimaldi, Misia de Angelis e Mario Dorigatti.

Fieschi presenta una quindicina di elaborati realizzati appositamente per il Museo Butti di Viggiù.”… Le immagini create e veicolate sui supporti, che contengono anche aria, suggeriscono forme non conosciute che spingono a una visione nuova di elementi primordiali; le macchie di colore si amalgamano tra di loro creando composizioni a prima vista casuali. L’analisi formale e pittorica, che Alessandro Fieschi indaga con perizia alchemica, comunica e sottolinea una realtà aleatoria, probabile, transitoria e non determinata. Il colore è in continua trasformazione e le trasparenze presenti nelle sue opere fanno in modo che le vibrazioni pittoriche si muovano tra un supporto e l’altro…”                                                                                                                                                                                                                                                                                               I.C.

Inaugurazione sabato 9 settembre 2017, ore 17.00

Orari d’apertura:

da martedì a venerdì 14.00-18.30 sabato 9.30-12.00 e 14.00-18.30 domenica 16.00–19 .00

Manifesto VICENTINIr

GIORGIO VICENTINI. IL SOGNO DELLA REALTÀ

A cura di Ignazio Campagna

Presentazione di Federico Masedu

Museo Enrico Butti, dal 10 giugno al 9 luglio 2017

Il Museo Butti di Viggiù ospiterà da sabato 10 giugno a domenica 9 luglio 2017 il pittore Giorgio Vicentini. L’artista varesino presenterà per l’occasione 18 opere di cui alcune realizzate proprio per questa esposizione. Declinazioni cromatiche attraverso i suoi polifoil, cere e acrilici pregni di colore che mostrano immagini alla ricerca di una loro precisa identità. Sono figure in sospensione con una loro autonomia spaziale connotata da linee taglienti senza concedere nulla a spazi incontrollati, ma invece riverenti a una composizione calcolata e illimitata dove lo spazio non è relegato soltanto nelle misure del supporto pittorico, ma anela a uno spazio altro avvolgendo la realtà circostante. Stesure ammalianti dove le texture superficiali indagano la superficie attraverso spessori appena percettibili regalando al pubblico sensazioni pacate e riflessive. Il Sogno della Realtà: ecco il titolo scelto da Vicentini per invitare il fruitore a vedere e leggere le odierne rappresentazioni crude della realtà studiate dall’artista in vista di una dimensione nuova e propositiva.                                                                                                                                       I.C.

Inaugurazione sabato 10 giugno 2017, ore 17.30

Orari d’apertura:

da martedì a venerdì 14.00-18.30 sabato 9.30-12.00 e 14.00-18.30 domenica 16.00–19 .00

Manifesto_contemporanea 2017r

Collezione d’Arte Contemporanea Enrico Butti. Ultime acquisizioni 2012-2016

A cura di Ignazio Campagna

Museo Enrico Butti, dal 29 aprile al 28 maggio 2017

Sono in mostra nella sala espositiva presso la Casa Studio dello scultore Enrico Butti ventidue opere. Normalmente queste opere sono visibili presso le sale del nostro comune ma che oggi, per l’occasione del 170° anno della nascita dello scultore Enrico Butti, vengono esposte nella sede del suo studio. Sono le acquisizioni, attraverso donazioni spontanee degli artisti, di questi ultimi cinque anni di attività museale che hanno arricchito così la nostra Collezione di Arte Contemporanea. Pittori e scultori, designer e incisori, sono stati invitati per chiaro merito nel campo artistico ad esporre al Museo Butti e in Villa Borromeo. Un’altra scelta per questi artisti è stata anche la proficua collaborazione con critici d’arte e giornalisti come Ettore Ceriani e Claudio Cerritelli con proposte di nuove mostre con artisti di grande spessore artistico. Sono presenti opere che spaziano tra rappresentazioni da forme iconiche a quelle aniconiche mentre diversi sono gli artisti che hanno voluto dedicare la propria ricerca sullo studio del colore. Sono state dedicate mostre ad artisti scomparsi importanti del nostro territorio come Ambrogio Pozzi, Gottardo Ortelli, Amleto Emeri, Aldo Alberti, Giancarlo Sangregorio e Vittorio Tavernari che si sono distinti con forza e incisività nel campo dell’arte. I.C.

Inaugurazione sabato 29 aprile 2017, ore 17.30

Orari d’apertura:

da martedì a venerdì 14.00-18.30 sabato 9.30-12.00 e 14.00-18.30 domenica 16.00–19 .00