Bozzetto per il concorso per la realizzazione della V porta del Duomo di Milano

Artista: Nando Conti
Anno di realizzazione: 1959
Soggetto: Narrazione storico-religiosa
Collocazione: Viggiù, Museo degli artisti viggiutesi del Novecento

Dati tecnici

Tecnica: Portale a formelle con raffigurazioni storiche
Materiale: Gesso

Dimensioni: 170x12x80
Stato: Buono

Nel museo: Si

Descrizione

All’inizio degli anni ’50, la Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano, bandisce il concorso per la realizzazione dei battenti bronzei della quinta porta del Duomo. Il tema del concorso, che era stato suggerito dallo stesso cardinal Schuster sarà: “Origini e vicende della Cattedrale”. Tra i partecipanti al concorso, oltre a Nando Conti, si annoveravano i più grandi scultori del periodo tra cui Lucio Fontana, Francesco Messina, Enrico Manfrini e Luciano Minguzzi. Il compito dei partecipanti al concorso, era quello di realizzare il modello complessivo del portale e l’ingrandimento di una delle sue formelle. Nando Conti esegue il modello del portale ed il particolare della formella raffigurante il momento in cui il progettista del Duomo presenta il proprio progetto al Signore milanese Gian Galeazzo Visconti. La trattazione del Conti era classica e forse un po’ retorica e si distanziava moltissimo dalle avanguardistiche proposte di Fontana che destrutturavano la caratteristica conformazione del portale dove i vari episodi non apparivano rinchiusi in precisi riquadri, ma fluivano in una narrazione libera e movimentata, a dare come l’impressione di una storia in progressione, più che un susseguirsi di singoli ed isolati episodi.
La commissione giudicante fu ben impressionata da questo lavoro, ma forse “intimorita” da quell’estrema sintesi formale, chiese a Fontana di “riequilibrare” l’insieme, riproponendo cioè un nuovo bozzetto. Richiesta, peraltro, che venne estesa anche agli altri partecipanti ritenuti più meritevoli, e cioè Enrico Manfrini, Francesco Messina e Luciano Minguzzi.
Dal nuovo esame risultarono vincitori ex equo Fontana e Minguzzi, mentre il conti si classificherà al terzo posto. Sarà quest’ultimo, con una proposta all’altezza delle sue qualità di scultore, a ottenere infine la commissione della quinta porta del Duomo, che oggi ancora possiamo ammirare.

Bibliografia

Picasass, Varese, Macchione, 1995; G. Bottarelli, W. Guerra, Dizionario: Architetti, ceramisti, incisori, pittori e scultori di varse e del Varesotto dal sec XII al sec. XX; Varese, Archivio Artistico Varesino, 1998; Marina Degl’Innocenti, Nando Conti (1906-1960) – Opere, Associazione Amici dei Musei Viggiutesi, Comune di Viggiù, 2006

Altre immagini dell’opera