Putto sul delfino

Artista: Luigi Buzzi Leone
Anno di realizzazione: 1891
Soggetto: Scena di genere
Collocazione: Viggiù, cortile del Municipio

Dati tecnici

Tecnica: Scultura a tutto tondo
Materiale: Gesso patinato

Dimensioni: 93x56x66
Stato: Buono

Nel museo: Si

Descrizione

In questa opera risalente al 1861, è raffigurato un amorino a cavalcioni di un piccolo delfino, mentre si tiene in equilibrio aggrappandosi con la mano destra alla pinna dorsale dell’animale, e stringendo verso di sé con l’altro braccio la coda. E’ l’idea di gioia e movimento che l’artista vuole trasmettere in questa scultura in marmo, progettata per ornare una fontana e forse elaborata da lui dopo un attento studio dell’opera di Giuseppe Franchi ubicata in piazza Fontana a Milano. Musa ispiratrice rimane per Buzzi Leone la scultura di età classica situata nei Musei Vaticani tra le rovine imperiali di Roma. Si ritiene che sia stata la grande soddisfazione per tale opera ad indurre Buzzi Leone ad esporla alla prima mostra triennale di Brera. La semplicità del soggetto permette allo scultore di focalizzare l’attenzione quasi esclusivamente sulla resa dinamica e fortemente plastica della figura del bimbo, in scala maggiore rispetto al mammifero, resa che è ottenuta mediante l’opportuna scelta della postura ed il buon lavoro di modellato. Il trattamento della superficie è condotto per piani larghi e luminosi che valorizzano i volumi ampi della figura rendendo l’insieme organico e ben bilanciato. L’opera originale in marmo è collocata nel cortile del Palazzo Comunale di Viggiù.

Bibliografia

F. Gualdoni, Scultura a Varese dal verismo ad oggi, Varese, 1994; Picasass, Varese, Macchione, 1995; D. Agostinelli, Luigi Buzzi Leone scultore (1823-1909) – tesi di laurea AA 1996-7; Storia dell’arte a Varese e nel suo territorio, Varese, 2011

Altre immagini dell’opera